SEZIONE: FINANZA E TRIBUTI - ISTITUZIONI, ASSOCIAZIONISMO E RIFORME
POLEMICHE

Tagliati della metà i contributi post fusione: nuovi Comuni sul piede di guerra

26 Luglio 2019
 

Tra i nuovi Comuni nati da fusione nel Mantovano c'era chi aveva ipotizzato di ridurre le tariffe di alcuni servizi e le aliquote delle imposte locali, chi aveva in mente investimenti in opere pubbliche, chi intendeva migliorare i servizi di assistenza ai cittadini. Tutto in stand-by, dopo che il 25 giugno il Ministero dell'Interno ha imposto con un decreto decurtazioni degli incentivi statali fino al 58%, con una perdita per le cinque amministrazioni nate da fusione (Borgo Virgilio, San Giorgio Bigarello, Borgocarbonara, Borgo Mantovano, Sermide e Felonica) stimata in un milione e 800mila euro.
I Comuni sono sul piede di guerra e hanno chiesto il supporto di Anci, che con loro ha promosso una mozione in via di approvazione dai consigli comunali, il cui obiettivo è attivarsi perchè il Governo riveda le decurtazioni, di percentuale diversa a seconda della anzianità della fusione: più il passaggio è recente, maggiore è l'incidenza. “Chiediamo con forza al Governo e al Parlamento di stanziare i 31 milioni che mancano all’appello per garantire nel 2019 i contributi necessari ai Comuni che hanno scelto negli anni la via delle fusioni, così come previsto dalla legge in vigore. Il Governo ci accordi un incontro urgente, mentre il Parlamento segua con attenzione il problema per trovare una soluzione immediata nel più breve tempo possibile”, ha affermato Mauro Guerra, Sindaco di Tremezzina e presidente della commissione Finanza locale dell’Anci.


I diritti lesi dei Comuni nati da fusione
La Gazzetta di Mantova ha evidenziato in dettaglio alcuni dei progetti che sono stati interrotti dal taglio istituzionale: a San Giorgio Bigarello, cui sono stati assegnati 477mila euro invece del milione e e 129mila previsti, verrà messo in stand by il progetto di riqualificazione da 500mila euro della piazza di Gazzo. A Borgo Virgilio la perdita è quantificata in 350mila euro e questo comporterà la sospensione di servizi e affidamenti che sono già stati avviati, mentre a Sermida e Felonide, con 133mila in meno su cui contare, dopo aver tolto la Tasi si stava ipotizzando una riduzione anche dell'Irpef. Tutto fermo, anche in questo caso. 
“C’è un patto repubblicano tra lo Stato e i Comuni – ha spiegato Guerra – per il quale i Comuni hanno diritto per dieci anni al 60% dei trasferimenti che ricevevano nel 2010. A metà dell’esercizio finanziario 2019 non sono sostenibili tagli che arrivano fino al 58% sui contributi e sugli incentivi alle fusioni. In questo modo si finisce per scardinare i bilanci, anche quelli spesso costruiti da commissari prefettizi che hanno preso la gestione degli enti dopo l’approvazione delle leggi istitutive delle fusioni. Oltre ai risparmi ed ai risultati di sistema, grazie ai Comuni fusi – sottolinea il rappresentante Anci – lo Stato quest’anno risparmia, ad esempio, molti milioni di euro sui fondi e contributi destinati ai piccoli Comuni per spese di investimento in interventi di messa in sicurezza, efficientamento energetico e sviluppo del territorio, in quanto i Comuni più grandi nati dalle fusioni ricevono contributi inferiori a quelli che avrebbero ricevuto da separati”.

Per il futuro, pronti a un confronto in vista della Legge di Bilancio
“Ripristiniamo il dovuto per quest’anno. Superata questa emergenza, e garantita ai Comuni fusi la possibilità di chiudere i loro bilanci – osserva Guerra – siamo pronti come Anci ad un confronto, in vista della prossima legge di bilancio, sulle prospettive, sui criteri e sulle modalità di sostegno ad interventi di razionalizzazione, efficientamento e adeguamento del sistema delle autonomie locali. Tra questi vi sono i processi di fusione che si sono avviati in questi anni e quelli che si potranno avviare. Si fanno le fusioni, volontarie, per dare servizi migliori ai cittadini, per fare investimenti che comportano poi risparmi della spesa corrente: questa prospettiva dev’essere rispettata e garantita”, conclude il presidente della Commissione Anci. (VV)

Leggi anche...
AMMINISTRATORI

L'annuncio del Governo: l'indennità dei sindaci dei comuni fino a 3mila abitanti sale a 1.400 euro netti.

Innovazione

I sistemi informati e l’ICT al centro di un Laboratorio della Regione Lombardia

da ANCI LOMBARDIA
#ANCI2019

Breve rassegna dei principali momenti dell'Assemblea

Kibernetes

ProgettoEnte - Area Contabile, la piattaforma per la contabilita' del Comune

Kibernetes ha sviluppato la piattaforma ProgettoEnte - Area Contabile: la soluzione integrata che comprende il Nuovo Ordinamento Contabile, l'Inventario e il Patrimonio, la Contabilità Economico-Patrimoniale e il Documento Unico di Programmazione. ProgettoEnte - Area Contabile è sviluppato nativamente sulla base del D.L. 118 ed integra tutte le novità normative, come la fatturazione elettronica e la Piattaforma di Certificazione dei Crediti.

Studio Cavaggioni

Studio Cavaggioni, supporto nella gestione dei servizi

Lo Studio fornisce agli Enti il supporto nella gestione operativa dei servizi, offrendo consulenza e individuando nuove opportunità di sviluppo

RisorseComuni

Opportunita' di incontro e formazione gratuita.
Tutto l'anno!

L'esigenza di formazione e di incontro fra gli operatori della Pubblica Ammnistrazione locale trova ancora in RisorseComuni una risposta ricca e aperta alle esigenze locali le cui problematiche saranno affrontate con continuità, in modo mirato e con una grande attenzione all'attualità. Promosso da ANCI Lombardia, Organizzato da Ancitel Lombardia.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2019 - P.Iva 12790690155