SEZIONE: AMBIENTE, ENERGIA
Ambiente

Legambiente: è allarme inquinamento per i laghi lombardi

7 Agosto 2018
 

Ventiquattro rilevazioni nei laghi lombardi e 15 risultati di forte inquinamento, solo 9 i lidi con una situazione entro i limiti.
Questo risultato poco rassicurante è emerso alla fine della tredicesima edizione di Goletta dei Laghi, la campagna di Legambiente dedicata allo stato di salute dei bacini lacustri e realizzata in collaborazione con il Consorzio Nazionale per la gestione, raccolta e trattamento degli oli minerali usati e Novamont.
Grazie a questo studio è possibile fare il punto sulle principali criticità che minacciano i nostri laghi e i loro ecosistemi: gli scarichi non depurati e inquinanti, i rifiuti in acqua, la perdita di biodiversità, la cementificazione delle coste legale e illegale, la captazione delle acque, l’incuria e gli scempi ai danni dell’intero sistema territoriale lacustre. 

IL QUADRO NAZIONALE
Dal 23 giugno al 29 luglio l'imbarcazione di Legambiente ha solcato i maggiori bacini interni, impegnando i tecnici in un monitoraggio scientifico che ha evidenziato come il 55% dei campionamenti eseguiti dai tecnici di Legambiente in 17 bacini evidenziano la presenza di cariche batteriche oltre i limiti di legge. Su 68 punti campionati in sei regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Umbria e Lazio) ben 38 sono quelli giudicati “fortemente inquinati” e “inquinati”.
L'indagine non ha dimenticato di considerare la presenza dei rifiuti sulle spiagge, monitorati 20 arenili dei laghi Iseo, Maggiore, Como, Garda e Trasimeno dove sono stati trovati 2183 rifiuti, determinando una media di 2,5 oggetti ogni metro quadrato di spiaggia, il 75% dei quali è costituito da plastica. Dopo la plastica tra i materiali più trovati c’è il vetro/ceramica (10,3%), seguito da metallo (4,7%) e carta/cartone (4,1%). 

I LAGHI LOMBARDI
Come abbiamo evidenziato nell'apertura, le analisi microbiologiche delle sponde lombarde danno un giudizio piuttosto netto sulla gravità delle condizioni delle acque dei nostri laghi. Ecco nel dettaglio i dati divisi per singolo bacino (Online la mappa con i rilevamenti di Legambiente).

La situazione sul Garda
Nel complesso, su 5 punti monitorati sulla sponda bresciana, 2 sono risultati fortemente inquinati e 3 entro i limiti. Sorvegliati speciali i campioni prelevati a Padenghe sul Garda alla foce del torrente nei pressi del porto e a Desenzano del Garda presso lo scarico a sud della Lega Navale, che confermano il trend negativo delle passate edizioni. Rientrano, invece, nei limiti di legge i prelievi effettuati a Salò presso la foce del torrente Barbarano e presso la località “Le Rive”, e a Desenzano del Garda nei pressi dello scarico vicino la “Spiaggia d’Oro”.

Il lago d'Iseo
Le sponde del lago d'Iseo sono state monitorate in 7 punti, di cui 2 sono risultati fortemente inquinati (Pisogne e Monte Isola), 1 inquinato (Sulzano) e 4 entro i limiti (Costa Volpino - 2 punti monitorati -, Castro Foce e Tavernola Bergamasca).
Sulla sponda bresciana tutti e tre i punti campionati sono fuori dai limiti di legge e confermano il trend negativo degli scorsi anni. Risulta inquinato da batteri fecali il campione prelevato presso la foce del torrente Calchere nel comune di Sulzano e fortemente inquinati i campioni prelevati presso Darsena di Pisogne e Peschiera di Monte Isola.
Mentre sulla sponda bergamasca i punti campionati risultano tutti entro i limiti. Per quanto riguarda la foce del fiume Oglio e la foce del torrente Borlezza, a differenza dello scorso anno, risultano entro i limiti di legge.

Il Lago di Como
Sulla sponda comasca del Lario, il laboratorio di Goletta dei Laghi ha evidenziato 3 punti fuori dai limiti di legge sui 4 campioni oggetto dell’indagine microbiologica.
I sorvegliati speciali sono i campioni prelevati a Cernobbio alla foce del torrente Breggia, la foce del torrente Albano nel comune di Dongo, a Como presso la foce del torrente Cosia, al canale del depuratore adiacente i giardini del mausoleo Volta. Rientra nei limiti di legge, invece, la foce del torrente Telo nel Comune di Argegno. 

Lago Maggiore
Nel Varesotto, su 5 punti monitorati, 4 risultano fortemente inquinati (Germignaga, Laveno Mombello, Brebbia e Ispra) e solo 1 entro i limiti (Angera). 

Lago Ceresio 
Il lago "condiviso" con la Svizzera è stato monitorato in tre punti, risultati tutti fortemente inquinati: uno in provincia di Como, Claino con Osteno e due a Porto Ceresio in provincia di Varese. (LS)

Leggi anche...
VERDE

Aggiunte 332 nuove iscrizioni. Lombardia in prima linea per la tutela di questo patrimonio.

MOBILITA'

Un tratto di 6km della Brebemi ospiterà la prima sperimentazione, della durata di sei mesi.

Ambiente

Una settimana a novembre per conoscere e far conoscere le azioni per la riduzione dei rifiuti

ROBERT BOSCH SPA

Utensili da giardinaggio professionali a batteria: le stesse prestazioni degli utensili a scoppio, con rumorosita' dimezzata.

La prima serie di utensili a batteria concepiti per le esigenze dei professionisti: Rasaerba, Decespugliatore, Soffiatore da Giardino, Tagliasiepi. Prestazioni e durata: Una batteria ad alta capacità per prestazioni di livello superiore. Carica rapida: Consente un utilizzo prolungato. Resistente alle intemperie: Per l'impiego in tutte le condizioni meteo.

ARCA

Global Service, gestione del patrimonio pubblico e privato

Una formula contrattuale relativa a servizi multidisciplinari per gestire ed erogare le attività di gestione con piena responsabilità sul raggiungimento dei risultati richiesti (UNI 10685).

AIEL, Associazione Italiana Energie Agroforestali

AIEL, energia dal bosco al camino

AIEL, associazione delle imprese della filiera legno-energia, da 15 anni promuove la corretta e sostenibile valorizzazione energetica di legna, cippato e pellet

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2018 - P.Iva 12790690155