SEZIONE: TECNOLOGIA E INNOVAZIONE

Tecnologia e enti locali: due su tre non erogano servizi via web

3 Luglio 2017
 

Scenario per nulla incoraggiante, in materia di utilizzo delle nuove tecnologie da parte degli enti locali: solo un ufficio su tre (33,8%) è in grado di avviare e concludere per via telematica l’intero iter di almeno un servizio richiesto dall’utenza. La denuncia è dell’Ufficio studi della Cgia di Mestre che ha esaminato i dati Istat riferiti all’utilizzo delle tecnologie dell’informazione da parte degli enti locali.

Tra tutti gli enti analizzati - Regioni, Province, Comuni e Comunità montane - presenti in Italia, quelli maggiormente in “ritardo” sono le Province: solo il 27,1 per cento è in grado di “dialogare” e concludere on line la procedura richiesta dai cittadini o dalle imprese. Al 28 per cento le Comunità montane, al 33,9 per cento i Comuni (con punte del 63 per cento per quelli con più di 60 mila abitanti) e al 59,1 per cento le Regioni e le Province autonome. 

A livello di servizi offerti dalle pubbliche amministrazioni locali è da registrare un generale miglioramento: la percentuale di enti che consente di completare on line le procedure è salita dal 7,6 del 2009 al 33,8 per cento del 2015. Ma il ritardo dell'Italia nei confronti dell'Europa è sempre rilevante. 

 

Nord virtuoso, sud (e Liguria) in coda
I Comuni più virtuosi a livello regionale sono quelli della Provincia autonoma di Bolzano, nel Veneto, in Emilia Romagna e in Toscana. In Alto Adige il 65,5 per cento dei sindaci è abilitato a completare una procedura in via telematica, in Veneto è il 56,5 per cento, in Emilia Romagna il 54,1 per cento e in Toscana il 44,8 per cento. In coda, invece, troviamo i Comuni della Liguria (17,4 per cento), della Sicilia (16,8 per cento) e del Molise (14,7 per cento).

Suap e Diap i servizi più diffusi
Tra la trentina di servizi offerti on line monitorati, il 24,5 per cento dei Comuni italiani consente di soddisfare compiutamente per via telematica le esigenze dell’utenza con il Suap (Sportello Unico per le Attività Produttive) e il 14,5 per cento con la Diap (Dichiarazione di Inizio Attività Produttive). (VV)

Leggi anche...
PA

Si tratta di una piattaforma digitale libera, aperta, che tutti possono sviluppare e migliorare.

L'Esperto

Non solo accessibilità, ma anche fruibilità ed efficacia nella circolare AgID n. 3/2017

Innovazione

Scade il 24 novembre il termine per presentare la domanda sia di adesione che per i contributi

INGENICO ITALIA

INGENICO, i sistemi di pagamento elettronico

Ingenico è leader nelle soluzioni di pagamento elettronico e offre diverse tipologie di terminali per gestire transazioni con ogni strumento (carte di credito, PagoBancomat, carte privative, loyalty, contactless, Nfc) in ogni settore (Banking, Retail, Petrol, HoReCa, Trasporti, PA, Servizi).

Kibernetes

ProgettoEnte - Area Contabile, la piattaforma per la contabilità  del Comune

Kibernetes ha sviluppato la piattaforma ProgettoEnte - Area Contabile: la soluzione integrata che comprende il Nuovo Ordinamento Contabile, l’Inventario e il Patrimonio, la Contabilità Economico-Patrimoniale e il Documento Unico di Programmazione. ProgettoEnte - Area Contabile è sviluppato nativamente sulla base del D.L. 118 ed integra tutte le novità normative, come la fatturazione elettronica e la Piattaforma di Certificazione dei Crediti.

ADS

Dalla creazione alla conservazione dei documenti informatici

ADS propone Smart*Gov la suite di soluzioni software che aiuta a perseguire gli obiettivi e le indicazioni del nuovo CAD.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2017 - P.Iva 12790690155