SEZIONE: WELFARE E POLITICHE GIOVANILI
Welfare

Atlante Sprar 2016: Finanziati 652 progetti per 26012 posti

26 Giugno 2017
 

Sono stati 652 i progetti Sprar che nel 2016 hanno ricevuto il finanziamento da parte del Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell’asilo (FNPSA). Grazie a questi progetti sono stati accolti 26012 migranti in circa mille enti.
La Sicilia e il Lazio si attestano come le due regioni in cui si registra il maggior numero di persone in accoglienza (oltre il 19% sul totale delle presenze a livello nazionale), seguite da Calabria (10%) e Puglia (9,7%). In Lombardia si accolgono invece il 6,2% delle persone richiedenti protezione (il dato era il 5% nel 2015). 
Questi numeri emergono dalla nuova edizione dell'Atlante Sprar, presentato da Cittalia e Anci a Roma, che evidenzia come delle oltre 34mila persone accolte attraverso lo Sprar, il 47,3% è richiedente protezione internazionale, il 28,3% titolare di protezione umanitaria, il 14,8% titolare di protezione sussidiaria, mentre il 9,6% ha lo status di rifugiato. Nigeria (16,4%), Gambia (12,9%) e Pakistan (11,7%), in linea con lo scorso anno, sono le tre nazionalità maggiormente rappresentate tra le persone in accoglienza.
Un aumento significativo si registra nella quota di accoglienza di minori stranieri non accompagnati, passati da 977 nel 2015 a 2039 nel 2016. Questo numero fa salire a 2898 il totale di minori stranieri non accompagnati ospitati nelle struttura, a fronte dei 1640 dell’anno precedente.

"Nel 2016  sono stati fatti grandi passi in avanti verso un sistema di accoglienza sostenibile e diffuso sul territorio, puntando all’allargamento della rete dei Comuni dello Sprar. Siamo partiti da un dato di fatto: l’esigenza di dare una risposta al disagio dei sindaci e delle comunità rispetto ad un’accoglienza spesso disordinata, in strutture alberghiere che allarma le comunità. I primi risultati cominciano ad arrivare grazie ai progetti presentati questa primavera ed ai molti Comuni che hanno già deliberato l’adesione e stanno procedendo a presentare domanda allo Sprar”. Ha evidenziato il sindaco di Prato e delegato Anci all’Immigrazione Matteo Biffoni nel corso della presentazione del Rapporto.

Per Biffoni "i risultati che presentiamo sono stati raggiunti grazie ad un grande impegno istituzionale da parte di Anci e delle Anci regionali, che ha permesso, in un vero e proprio percorso di ‘porta a porta’, di incontrare più di 700 comuni sostenendoli nel dialogo con le prefetture e con la cittadinanza.  E’ però fondamentale, a fronte di un fenomeno che, come dimostrano i numeri, che speriamo però possano ridursi, durerà ancora negli anni a venire, che i Comuni si facciano parte del sistema, affinché gli arrivi siano equamente ripartiti sui territori nel rispetto di chi arriva e delle comunità che accolgono. Il dialogo tra le prefetture e i sindaci è dunque imprescindibile. Noi vogliamo una accoglienza ed integrazione di qualità che garantisca laddove ci siano le condizioni integrazione e attraverso i progetti dei comuni qualità del controllo del territorio”. Il delegato Anci ha poi concluso ricordando l’importante ruolo dell’Europa: “Al grande sforzo del nostro paese che, nonostante la sostanziale solitudine con cui ha dovuto affrontare la più grande crisi migratoria dalla seconda guerra mondiale in poi, deve accompagnarsi anche l’impegno degli altri Stati. Va rafforzata la nostra capacità di fare i rimpatri così come le azioni internazionali a fianco dell’Italia nelle zone interessate affinchè si riducano le partenze”. (LS)

Leggi anche...
WELFARE

Tre milioni per le organizzazioni di volontariato che realizzano progetti per coinvolgere cittadini e stakeholder

Welfare

Dal scorso 23 ottobre al 1 dicembre è aperta la seconda finestra per l'invio delle domande

MOSTRA FOTOGRAFICA

I Comuni possono ospitare i 30 pannelli fotografici, che sono stati resi itineranti.

Progetti & Soluzioni

Informatizzare la scuola e i Servizi a Domanda Individuale

L'esigenza da parte dei Comuni è quella di una proposta informatizzata per la scuola e i Servizi a Domanda Individuale che sia rigorosa e in sintonia con la normativa UE per l'Agenda Digitale.

TIM

KIT Scuola Digitale. Le soluzioni di TIM Impresa Semplice per connettere la scuola al futuro.

TIM e' il riferimento affidabile per accompagnare la scuola nel futuro della "didattica digitale", attraverso soluzioni tecnologiche, innovative, facili e sicure.

Gi Group

Lavoro flessibile per le pubbliche amministrazioni

Gi Group è la prima multinazionale italiana del lavoro, nonché una delle principali realtà, a livello mondiale, nei servizi dedicati allo sviluppo del mercato del lavoro.

Strategie Amministrative online,
periodico di informazione registrato
al Tribunale di Milano al n° 328/2002
in data 27 maggio 2002
ANCILAB © Copyright 2017 - P.Iva 12790690155